Roth, “Pastorale americana”

06[…] l’ironia è una consolazione della quale non hai proprio bisogno quando tutti ti considerano un dio.

Annunci
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Carlo Levi, “L’orologio”

04“Tutti questi orologi da tasca, grandi, pesanti, in un certo modo solenni, e un poco antiquati […], hanno una loro storia, familiare e paterna. È raro che se ne faccia acquisto per il proprio uso. Essi sono quasi sempre un regalo, e un regalo importante, del Padre, o del Nonno, o dello Zio, in una occasione importante, nel momento più decisivo della vita, quello in cui il giovane entra nel mondo, acquista la sua autonomia, si stacca dal passato, dalla sicurezza indistinta del tepido clan familiare, per cominciare a percorrere il proprio tempo personale”.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Steinbeck, “Furore”

01

Immagine | Pubblicato il di | Lascia un commento

Atwood, “Il racconto dell’Ancella”

05Non si tratta del controllo di una persona sull’altra. Forse non si tratta di chi può stare seduto e di chi deve invece inginocchiarsi, alzarsi o sdraiarsi, a gambe divaricate. Forse si tratta del potere di fare qualcosa e poi essere perdonato.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

TNT0011: Tutte le coppie sono in crisi

Tutte le coppie sono in crisi. Soltanto l’individuo (l’unico) può conquistare la stabilità, e non prima di una lunga ricerca spirituale, e comunque quasi mai riesce nell’intento. La coppia, invece, trova la sua stabilità nella crisi. Se non fosse in crisi, esploderebbe; se non stesse per finire, non avrebbe motivo di andare avanti. Se non fossero in crisi, le coppie esaurirebbero qualsiasi argomento nell’arco di tre anni, mentre grazie alla crisi possono parlare del fatto di essere in crisi. L’instabilità tipica della crisi è alla base della stabilità di una coppia. D’altronde è inumano unire due persone: l’unico modo per farlo, e per far sì che quest’unione  perduri, è far credere loro che stia per finire.

Taddeo Tebaldi
taddeotebaldi@gmail.com

Pubblicato in Aforismi, Senza categoria | Lascia un commento

Taddeo Tebaldi, “Sulla delegittimazione della cultura alta”

È in corso una graduale delegittimazione della cultura alta. Per accettare quest’affermazione è necessario innanzitutto riconoscere l’esistenza di una gerarchia culturale, nel cui punto più basso si trovano i reality show, la musica neomelodica e i rotocalchi, in quello più alto Tarkovskij, la musica colta e Sebald, e al centro la cultura media. I confini tra questi tre punti cardine sono variabili, e le gradazioni di valore infinite. Oggi stiamo assistendo a una traslazione di questa gerarchia, attuata attraverso la legittimazione della cultura bassa, l’emulazione della cultura alta da parte della cultura media, e l’autosegregazione della cultura alta. Continua a leggere

Pubblicato in Aforismi, Recensioni, Senza categoria | 2 commenti

TNT0010: Una lenta trasformazione

Si dice che la vita sia breve, eppure la trasformazione è talmente graduale che a volte si fatica a ritrovare nella voce sottile di un anziano quella eroica che fu di nostro padre.

Taddeo Tebaldi
taddeotebaldi@gmail.com

Pubblicato in Aforismi | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento